WordPress 3.0 e comunicazione istituzionale

Dal primo marzo è entrata in fase di ‘congelamento’ la versione 3.0 di WordPress, la famosa piattaforma per blog. Si tratta di una versione che promette molto, versione soprattutto che lo porterà a diventare un Content Management System a tutti gli effetti: sarà infatti incorporata la gestione dei menù creata da Woo Themes. In questo modo si affermerà ancora di più come uno dei migliori CMS opensource attualmente in circolazione. Per tutta una serie di caratteristiche (tra cui un’ampia community on line di supporto, facilità di utilizzo, versatilità per chi mastica un minimo di HTML e CSS ma soprattutto per il fatto di essere opensource!) credo che WordPress sia un ottimo strumento da utilizzare non solo per la gestione dei blog ma anche di siti istituzionali per medi e piccoli comuni, scuole, associazioni, parrocchie, centri di aggregazione e così via. Si riuscirebbe così ad ottenere un doppio risultato: da un lato si sposerebbe la logica dell’opensource nella pubblica amministrazione; dall’altro si aprirebbe la strada verso un miglioramento qualitativo dei siti istituzionali che, ahimè, ad oggi (se e quando esistono) sono costruiti con tecniche ormai desuete (html semplice e il vecchio Frontpage), hanno una frequenza di aggiornamento improponibile e sono lontani anni luce dalle direttive italiane (tra tutte la legge Stanca sull’accessibilità, il codice dell’amministrazione digitale e, tra le ultime, la direttiva n.8 del novembre 2009 relativa al miglioramento della qualità dei servizi e delle informazioni on line al cittadino).
Il lancio della versione 3.0 è previsto per aprile.

By |2010-03-12T16:39:53+00:0012 marzo 2010|Categories: Comunicazione Pubblica, Web|0 Commenti

About the Author:

Sono un giornalista ed esperto di comunicazione. Lavoro come addetto stampa nella Pubblica Amministrazione. Se vuoi restare aggiornato sulle novità del blog, puoi seguire la mia pagina Facebook!

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookie, che vengono forniti anche da terze parti. Per maggiori informazioni, consulta la cookie policy e la privacy policy. Grazie! Ok