giovedì 8 Dicembre 2022

Comunicare con i media, oggi.

HomeComunicazione Istituzionale e SocialeTitillium web, il font usato dalla PA italiana per i servizi digitali

Titillium web, il font usato dalla PA italiana per i servizi digitali

Tutti i comunicatori pubblici italiani – ma anche chi lavora a stretto contatto con la Pubblica Amministrazione – prima o poi si sono imbattuti nel font Titillium web. Si tratta di un carattere, o meglio, di una famiglia di caratteri che è stata scelta come font principale per i contenuti dei siti internet e dei servizi digitali della PA italiana, anche se le sue caratteristiche sono state così apprezzate da essere utilizzata anche da molti altri siti nel mondo, persino da quello ufficiale della NASA! Vediamo quali sono.

Caratteristiche del Titillium web

Il font Titillium web – il cui nome è stato scelto per rendere omaggio al compositore estone Arvo Pärt e, in particolare, alla sua tecnica compositiva denominata tintinnabuli – è stato sviluppato nell’ambito di un progetto didattico dagli studenti del corso in Type Design dell’Accademia di belle arti di Urbino. Pubblicato per la prima volta nel 2009, il carattere tipografico è stato creato a partire da un prototipo di Diego Giusti e successivamente rivisto nei successivi anni accademici dagli studenti, seguiti dal Prof. Luciano Perondi, i quali lo hanno sviluppato e ne hanno migliorato le caratteristiche.

Titillium web si presenta senza grazie, ha una leggibilità molto buona, è open source ed è un carattere nativo digitale, cioè nasce proprio per essere fruito al meglio sugli schermi, non essendo una trasposizione digitale di un carattere analogico.

Perché viene usato dalla PA

Questo font è stato scelto come uno dei font ufficiali per la PA italiana per la sua particolare struttura lineare, per l’essere un progetto italiano e per la flessibilità d’uso nella composizione dei testi, essendo composto da ben 11 stili. I pesi tipografici sono infatti:

  • Ultra-Light
  • Ultra-Light Italic
  • Light
  • Light Italic
  • Normal
  • Italic
  • Semi-Bold
  • Semi-Bold Italic
  • Bold
  • Bold Italic
  • Heavy.

Questo permetteva, dunque, una certa flessibilità che, insieme all’ottima leggibilità che offriva per i vari device e allo stile italiano e contemporaneo, ne ha decretato il successo.

Il tipo di licenza e dove scaricarlo

Titillium web e tutte le sue derivazioni sono pubblicate sotto licenza SIL Open Font License, Version 1.1 e può essere scaricato dal sito di Google Fonts.

OFFRI UN CAFFÉ

Se hai trovato utile questo articolo, puoi supportarmi facendo una donazione libera una tantum oppure impostarne una ricorrente (ogni mese): contribuirai a sostenere le spese del sito e a far imparare nuove cose a tutti i lettori. Grazie!

Dona ora!

Fabio Brocceri
Fabio Broccerihttps://www.fabiobrocceri.it
Sono un giornalista, addetto stampa e comunicatore pubblico. Il mio lavoro consiste nell'aiutare enti, imprese e istituzioni a comunicare meglio. Clicca qui se vuoi saperne di più.
ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

APPROFONDISCI

Ufficio stampa 2.0

 

RESTA AGGIORNATO

Vuoi ricevere automaticamente una email ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo (in media uno a settimana)? Iscriviti gratuitamente. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

Ultimi articoli pubblicati