sabato 24 Settembre 2022

Comunicare con i media, oggi.

HomeOttimizzazione e SEOOggi la forma è (un po' più) sostanza?

Oggi la forma è (un po’ più) sostanza?

Nei giorni scorsi mi è arrivato sul cellulare un testo che si presentava come un unico blocco di due pagine, interamente giustificato sia a destra che a sinistra, senza spaziatura tra i paragrafi, senza parole evidenziate, senza immagini: insomma, un mattone. Nonostante l’argomento di quel testo fosse di mio interesse, ho chiuso il file in meno di due secondi.
Al che mi sono chiesto: il peso della forma rispetto alla sostanza, è aumentato negli ultimi anni? Quanto siamo disposti a impegnarci per approcciarci a un testo che ci interessa?

La soglia dell’attenzione è sempre più bassa

La generazione Y, che raggruppa tutte quelle persone nate dopo il 1981 (spesso definite millenial), ha una soglia di attenzione pari a 12 secondi. Quella della generazione Z, invece, che comprende le persone nate dalla seconda metà degli anni ’90 in poi, è addirittura scesa a 8 secondi. Questo significa che il tempo a disposizione per “convincere” una persona a donarti attenzione è diminuito del 40%.  Non ci si può più permettere il lusso di considerare la forma come un optional rispetto alla sostanza. La facilità con cui oggi possiamo reperire informazioni e l’enorme mole di stimoli e di dati con cui ogni giorno veniamo a contatto rendono i nostri contenuti meno esclusivi e più “volatili”. Se a tutto questo aggiungiamo un interesse di base necessario per prestare attenzione (la cosiddetta attenzione selettiva), ci accorgiamo che raggiungere un destinatario è sì diventato tecnicamente immediato, ma fargli acquisire o comprendere un messaggio non è mai stato così difficile.

Siamo sicuri che inviare un PDF tout court sia la scelta migliore?

Nel mio libro, alla prima pagina, ho scritto che la logica del “si è sempre fatto così” ci impedisce la comprensione della novità.  È vero che quando ci muoviamo nel “conosciuto”, nelle tecniche che padroneggiamo da diverso tempo, riduciamo il rischio di sbagliare. Ma è altrettanto vero che le cose che avevamo imparato a fare e che funzionavano in determinate situazioni oggi non funzionano più perché ad essere cambiato è il contesto. Ecco perché nel mestiere del comunicatore non bisogna mai dare nulla per scontato. Bisogna sperimentare, testare, cambiare e ri-testare fino a quando non si troveranno nuove soluzioni, più funzionali delle precedenti.

Ritornando quindi all’esempio iniziale, la forma – purtroppo – spesso prevale sul contenuto. È diventata una sorta di lasciapassare per comunicare efficacemente un messaggio. Occhio, quindi, quando diffondiamo una notizia tramite social, comunicato stampa o altri media pitch ma, aggiungerei, attenzione a qualsiasi forma di comunicazione. Oggi, più che mai, l’abito fa tanto il monaco.

OFFRI UN CAFFÉ

Se trovi utili gli articoli del blog, puoi supportarmi facendo una donazione libera una tantum oppure impostarne una ricorrente (ogni mese): contribuirai a sostenere le spese del sito e a far imparare nuove cose a tutti i lettori. Grazie!

Fabio Brocceri
Fabio Broccerihttps://www.fabiobrocceri.it
Sono un giornalista esperto in comunicazione. Dal 2011 lavoro nella PA come addetto stampa e comunicatore pubblico. Clicca qui se vuoi saperne di più.
ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

APPROFONDISCI

Ufficio stampa 2.0

 

RESTA AGGIORNATO

Vuoi ricevere automaticamente una email ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo (in media uno a settimana)? Iscriviti gratuitamente. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

Ultimi articoli pubblicati