Anche se non siete grafici di professione, lavorando nel mondo della comunicazione vi sarà capitato sicuramente di avere a che fare con Adobe Illustrator e Photoshop, i due programmi di grafica vettoriale e fotoritocco più diffusi. L’unico neo di questi fantastici programmi è che costicchiano un po’ e non tutti possono permettersi di comprarli, specie se si è alle prime armi. Esistono, però, due valide alternative gratuite a Illustrator e Photoshop: Inkscape e Gimp.

Inkscape

Inkscape è un software libero (si può scaricare da qui) di grafica vettoriale. Solo per fare qualche esempio, si possono realizzare banner, impaginare locandine, realizzare loghi o, per i più esperti, vere e proprie immagini vettoriali. Non è ancora in grado di competere con Illustrator (a volte va in crash e dà qualche problemino) ma rispetto alle ultime versioni è migliorato parecchio. Inoltre ha una funzione che permette di trasformare le immagini Jpg in immagini vettoriali (Svg).

Gimp

Gimp

Gimp, invece, è un programma di fotoritocco (sempre open source e gratuito) che consente di modificare le immagini, ritagliarle, migliorarle, correggerle e applicare dei filtri, ma può essere utilizzato anche per creare loghi. È un po’ meno intuitivo rispetto a Photoshop, ma al momento vi ho ritrovate gran parte delle funzioni del software di casa Adobe.