Avete pagato la quota annuale dell’Ordine dei Giornalisti? Dal 2014 non è più l’unico adempimento richiesto per chi è iscritto all’ordine. L’ODG, infatti, ha introdotto l’obbligo della formazione continua per i giornalisti iscritti all’albo che vogliono mantenere l’iscrizione, in ottemperanza a quanto previsto dalla legge 148/2011 che obbliga tutti gli iscritti agli ordini professionali a seguire corsi di formazione.

Formazione giornalisti: ecco come funziona

Ogni giornalista, professionista o pubblicista, deve maturare 60 crediti formativi nell’arco di un triennio (con un minimo di 15 crediti annuali), di cui almeno 15 su tematiche di carattere deontologico. Un’ora di formazione darà diritto – più o meno – a 2 crediti, che potranno essere ottenuti attraverso attività formative (anche a distanza), frequenza di corsi, seminari e master (anche in qualità di relatori) organizzati da enti accreditati. La formazione deontologica, che prevede un quarto dei crediti totali richiesti nel triennio, è gratuita per ogni iscritto.

Oggi sono diversi i corsi che è possibile seguire per ottenere i crediti formativi. Molti sono organizzati direttamente dall’ordine ma altrettanti sono quelli organizzati da enti privati, sia gratuitamente che a pagamento. È possibile iscriversi ad un contro tramite un’apposita piattaforma chiamata SIGEF, che offre anche la possibilità – una volta autenticati – di monitorare il numero dei crediti acquisiti.