sabato 13 Aprile 2024

Appassionato di comunicazione?
Sei nel posto blog giusto!

HomeWeb, app e vita digitaleCome creare password sicure e facili da ricordare

Come creare password sicure e facili da ricordare

Oggi non passa giorno in cui non ci venga chiesto di creare una password per accedere ad un servizio online: dal sito di e-commerce, per cui occorre creare un profilo per poter fare acquisti online, alle banche che ci permettono di svolgere operazioni online, dai siti per prenotare viaggi e vacanze ai social network e alle app più in generale. E per fortuna che adesso (grazie al cielo!), esiste SPID, che con un’unica coppia di credenziali consente di accedere a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione.

Ecco, dunque, che la tentazione di utilizzare sempre la stessa password per tutti i servizi online diventa alta, se non fosse uno dei comportamenti più pericolosi che possiamo mettere in pratica, prestando il fianco a truffe, furti di dati, furti di identità e altre spiacevoli conseguenze.

I gestori richiedono password sempre più complicate

A rendere tutto più complicato c’è anche il fatto che, per aumentare la sicurezza, molti fornitori di servizi online ci chiedono di adottare password “forti” e complesse, come per esempio password che contengano obbligatoriamente: almeno 8-10 caratteri, un carattere maiuscolo, un numero, un carattere speciale, ecc. Per cui diventa già complicato ricordare una password così complessa, figuriamoci una password complessa e diversa per ogni servizio che utilizziamo!

La mia soluzione per creare password sicure e facili da ricordare

Partendo da questi presupposti, qualche anno fa ho cercato di trovare una soluzione. Il ragionamento che ho fatto è il seguente: ricordare una sequenza di lettere, numeri e caratteri speciali, evitando parole banali è molto difficile, ma diventa facile se questa sequenza (significante) rimanda a qualcosa di concreto (significato) che però viene codificata attraverso un codice che conosciamo solo noi.

Questa la soluzione che ho trovato: utilizzare le iniziali delle parole di un verso di una canzone o di una poesia in modo creativo. Facciamo un esempio prendendo come spunto l’incipit della canzone “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno:

penso che un sogno così non ritorni mai p

La nostra password, creata con le lettere iniziali di ogni parola sarebbe:

PCUSCNRMP

Potremmo anche sostituire l’articolo “un” con il numero 1, per cui avremo:

PC1SCNRMP

e per convenzione decidere di scrivere in maiuscolo sempre la prima, l’ultima o la seconda lettera delle nostre password e mettere un carattere speciale alle fine (o all’inizio!):

Pc1scnrmp!

E per evitare di usare la stessa password per tutti i siti?

Una volta creata la password base, possiamo “declinarla” per ciascun sito o servizio digitale, adottando anche in questo caso un nostro codice. Facciamo un altro esempio: possiamo aggiungere all’inizio o alla fine della password le iniziali del sito per cui la utilizzeremo. Nel caso del sito Virgilio.it possiamo decidere di mettere una V all’inizio, nel caso di Repubblica.it una R, ecc. Oppure una Z per Virgilio e una S Repubblica (che corrispondono alla lettera che segue la prima lettera del nome del sito). Così avremo:

VPc1scnrmp!

RPc1scnrmp!

Altre tecniche per creare password complesse ma memorizzabili

In giro ho letto (e visto) anche altre soluzioni interessanti. Una di queste consiste “nell’intrecciare” parole e numeri in alternanza: se, per esempio, unisco la parola “Personale” e la sequenza “987654321” alternando numeri e lettere avrò questa password:

P9e8r7s6o5n4a3l2e1

Oppure in molti utilizzano delle app o dei servizi online che permettono di generare e memorizzare password forti, anche se in questo caso si fa comunque affidamento ad una gestione “terza” delle credenziali.

Se hai adottato altre soluzioni per creare password sicure e facili da memorizzare scrivimele nei commenti! Altrimenti condividi questo articolo con i tuoi amici e follower se lo hai trovato utile!

Fabio Brocceri
Fabio Broccerihttps://www.fabiobrocceri.it
Sono un giornalista, addetto stampa e comunicatore pubblico. Il mio lavoro consiste nell'aiutare enti, imprese e istituzioni a comunicare meglio. Clicca qui se vuoi saperne di più oppure seguimi sui social.

OFFRI UN CAFFÉ

Se hai trovato utile questo articolo, puoi supportarmi facendo una donazione libera una tantum oppure impostarne una ricorrente (ogni mese): contribuirai a sostenere le spese del sito e a far imparare nuove cose a tutti i lettori. Grazie!

Dona ora!

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

APPROFONDISCI

Ufficio stampa 2.0

 

RESTA AGGIORNATO

Vuoi ricevere automaticamente una email ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo (in media uno a settimana)? Iscriviti gratuitamente. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

Ultimi articoli pubblicati