sabato 15 Agosto 2020
Corsi Google per giornalisti

Corsi Google per giornalisti 2.0

Oggi vi voglio parlare di una delle tante iniziative di Google dedicate al giornalismo e, in particolare, dei corsi di formazione organizzati dal colosso di Mountain View per accrescere le competenze digitali dei giornalisti. I corsi Google di giornalismo digitale sono gratuiti. È possibile seguirli online oppure scaricarli in PDF per fruirne in un secondo momento offline e le lezioni sono in continuo aggiornamento, caricate periodicamente spesso in inglese e, poi, tradotte in italiano.

I corsi Google per i giornalisti digitali

All’interno dell’area dedicata alle Google News Initiative, è possibile scegliere il corso più adatto alle proprie esigenze formative e al proprio livello di alfabetizzazione informatica. Il Corso base, per esempio, permette di imparare ad effettuare ricerche avanzate (compresa la ricerca inversa di immagini), ad utilizzare Google Alert, Google Scholar per le consultazioni accademiche, Google Trends per conoscere le tendenze del momento, la digitazione vocale, Google My Maps e così via. Ma ci sono anche corsi più avanzati molto interessanti. Vediamone alcuni.

Giornalismo dei dati e reporting investigativo

Un corso molto interessante riguarda il Data Journalism. Le lezioni di questo corso permettono di imparare ad usare Google Sheets per estrarre dati da internet, effettuare la pulizia degli stessi, utilizzare Tilegrams per mappare i dati o i modelli Flourish per creare grafici accattivanti. Uno degli strumenti più utili che non conoscevo l’ho scoperto proprio tramite questo corso. Sto parlando di Google Public Data Explorer, un tool che aggrega i set di dati forniti da fonti affidabili, come Istat, Eurostat o la Banca Mondiale e permette di mettere in evidenza i risultati, incrociarli e compararli. Per esempio è possibile confrontare l’andamento del numero di donne elette in parlamento in due Paesi o l’evoluzione del numero di posti letto negli ospedali dagli anni ‘80 ad oggi.
Il corso di Reporting investigativo permette, invece, di imparare a sfruttare le fonti su internet, come per esempio casi giudiziari, dati pubblici e archivi di notizie, grazie agli strumenti digitali che abbiamo a disposizione oggi.

Storytelling

Ci sono poi altri due corsi che insegnano come utilizzare alcuni strumenti made in Mountain View per raccontare le notizie in modo più avvincente ed emozionante. Si tratta di Narrativa multimediale e Storytelling con Google Earth, che spiegano – tra le altre cose – anche il funzionamento di strumenti come Google Earth Timelapse, che permette di mettere in evidenza come la terra sia cambiata nel corso degli ultimi 35 anni.

Verifica, sicurezza e ambiente

In questo periodo di proliferazione delle fake news il corso Verifica offre numerosi spunti per verificare l’autenticità e la precisione delle immagini, dei video e dei racconti che si trovano sui social media o su altri siti online. Il corso Sicurezza permette, invece, di imparare a proteggere se stessi e la propria redazione o agenzia di stampa da compromissioni, attacchi digitali e censura. Tra i corsi proposti ce n’è anche uno dedicato ai giornalisti che si occupano di temi ambientali: Environmental journalism.

Un corso per aiutare gli editori a monetizzare

Infine, vi segnalo un corso pensato più per gli editori, webmaster e blogger, che illustra come ottenere nuovi guadagni in ambito digitale e come ottimizzare i contenuti per un pubblico 2.0. Si tratta del corso Editoria e monetizzazione.

Voi conoscevate già questi corsi? Ne seguirete qualcuno? Fatemi sapere!

Informazioni su Fabio Brocceri

Mi chiamo Fabio Brocceri e sono un giornalista, addetto stampa ed esperto in comunicazione. Ho 34 anni, vivo a Roma e lavoro come comunicatore pubblico: aiuto, cioè, le Amministrazioni a dialogare meglio con i media e con i cittadini. Svolgo anche attività di docenza e nel tempo libero bloggo su FabioBrocceri.it.

Ti potrebbe interessare anche...

Le 5 W servono ancora?

Le 5 W sono ancora utili nell’epoca del digitale?

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare della regola delle 5 W. Fin …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *