Come scrivere una bibliografia: ecco le regole

Come si scrive una bibliografia? Questa è la classica domanda che si pongono generalmente gli studenti che finalmente giungono alla fine del proprio percorso formativo e si trovano alle prese con la tesi di laurea. La bibliografia non è altro che un elenco di libri, saggi e articoli su un determinato argomento che sono stati consultati dall’autore per la stesura della tesi (o di un articolo scientifico, o di un saggio, ecc.). Come scrivere una bibliografia perfetta? Basta seguire alcune semplici regole. Ecco quali

Come scrivere una bibliografia: quale struttura seguire

La struttura che si utilizza per scrivere una bibliografia, generalmente segue questo schema: autore, titolo, casa editrice, luogo e anno di pubblicazione. Ad esempio:

Eco, Umberto. Trattato di semiotica generale, Milano, Bompiani, 1975.

Nella maggior parte dei casi, l’ordinamento che si segue è quello alfabetico e gli autori sono ordinati per cognome. Se adotti anche tu questa struttura, ricorda di seguirla per tutti i testi dell’elenco.

Il titolo va sempre in corsivo. Se oltre al titolo vi è un sottotitolo, basta separarli tramite i due punti. Inoltre, ricordati di specificare se si tratta di articoli, saggi o atti che fanno parte di un volume. In questo caso la struttura da seguire diventa:

Cognome, Nome. Titolo del saggio o dell’articolo, a cura di Nome e Cognome del curatore, Editore, luogo e anno di pubblicazione.

I consigli per scrivere la bibliografia

Scrivere una bibliografia non è complicato, ma può essere impegnativo se la stesura viene rimandata al momento finale della scrittura della tesi. In questo caso si corre il rischio di dimenticare opere importanti e comunque si spende troppo tempo nel  ricordare tutti i testi consultati. Inizia quindi già nelle prime fasi di scrittura ad appuntare ogni libro che consulti. Alla fine,  l’unica operazione che dovrai fare sarà quella di ordinare l’elenco in modo alfabetico. Inoltre, utilizza un carattere e un’impaginazione coerente con il resto della tua tesi di laurea.

Bibliografia e sitografia tesi

Chi scrive una tesi oggi, probabilmente consulterà diversi siti internet. Anche questi vanno indicati nella bibliografia, o meglio in una sitografia a parte, inserendo anche la data di consultazione: i link, infatti, potrebbero nel frattempo cambiare o evolversi.

Di |2017-07-04T10:20:11+00:00luglio 4th, 2017|Categories: Scienze della Comunicazione|Tags: |0 Comments

Informazioni sull'autore

Sono un giornalista ed esperto di comunicazione. Lavoro come addetto stampa nella Pubblica Amministrazione. Se vuoi restare aggiornato sulle novità del blog, puoi seguire la mia pagina Facebook!

Lascia un commento

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.
Questo sito utilizza i cookie, che vengono forniti anche da terze parti. Per maggiori informazioni, consulta la cookie policy e la privacy policy. Grazie! Ok