venerdì , 15 dicembre 2017
Home » Consigli di scrittura » Come organizzare la presentazione di un libro

Come organizzare la presentazione di un libro

La presentazione di un libro è sempre un momento emozionante, sia per l’autore, che finalmente mostra al pubblico il suo volume, sia per i partecipanti, che possono entrare in contatto diretto con chi quell’opera l’ha concepita. Le presentazioni dei libri spesso si svolgono nelle librerie e vengono condotte da un giornalista, alla presenza dell’autore, di eventuali ospiti e dei lettori (o potenziali lettori). Vediamo insieme alcune cose che devi tenere in mente se stai pensando di organizzare la presentazione di un libro e sei alle prime armi.

Chi sono i tuoi (potenziali) lettori?

La prima cosa da fare per organizzare al meglio la presentazione di un libro è chiedersi quali sono le caratteristiche del tuo lettore tipo. L’obiettivo della presentazione è, infatti, quello di far conoscere e vendere copie del libro (a proposito, ricordati di portarne abbastanza!) per cui è fondamentale scegliere la tipologia degli invitati. Qual è il tuo pubblico di riferimento? Si tratta di un volume destinato ai ragazzi, agli adulti, al pubblico femminile, agli studenti, ecc.? Qual è la nicchia che sicuramente potrebbe apprezzarlo? In base al target è possibile, infatti, individuare la sede più appropriata, l’orario migliore e le modalità più adatte per la presentazione. Nulla vieta, infatti, di optare per una sede diversa dalla solita libreria, come ad esempio la sede di un’associazione culturale, una sala comunale, un pub, e così via. Una volta individuato il target, occorre scegliere una data in cui siano disponibili sia gli eventuali relatori che il luogo dove la presentazione avrà luogo. Sull’orario è meglio optare per il tardo pomeriggio, quando le persone escono dal lavoro e sono più rilassate, oppure scegliere il fine settimana, anche se in questo caso si rischia che le persone siano già impegnate in altre faccende o weekend fuori porta.

Pubblicizza l’evento

Una volta fissati data e luogo, devi iniziare a pubblicizzare l’evento. Ad esempio, puoi creare dei volantini da distribuire in alcuni posti strategici, oppure un evento su Facebook, o ancora attivare il passaparola coinvolgendo amici e conoscenti, e così via. Puoi anche decidere di coinvolgere l’ufficio stampa dell’ente che ospiterà la presentazione, per farla inserire nel calendario degli eventi, avvisare i giornalisti o i propri iscritti alla newsletter, ecc. L’importante è avere una sala piena. A questo proposito, evita le sale con molti posti a sedere, preferendo locali più raccolti, e considera che, anche se hai ricevuto la conferma di partecipazione da un buon numero di persone, almeno il 30% degli invitati non si presenterà (a causa di imprevisti). Ricordati, inoltre, di scattare diverse foto durante la presentazione, che potrai utilizzare anche successivamente per la promozione online.

Come si svolge la presentazione di un libro?

La presentazione di un libro non dovrebbe durare mai più di un’ora. Di solito viene condotta da un giornalista che fa da moderatore tra l’autore, eventuali relatori e il pubblico e in genere sono previsti dei momenti in cui vengono letti alcuni estratti del libro, eseguiti alcuni intermezzi musicali o artistici e fatte delle domande all’autore. È possibile anche prevedere la proiezione di un breve video o di foto significative. Infine, non può mancare, alla fine della presentazione, l’incontro informale dell’autore con le persone che sono intervenute, che possono farsi firmare una copia del volume, chiedere un autografo, farsi una foto o semplicemente scambiare due parole.

Cosa dire alla presentazione di un libro?

Quello che dice l’autore alla presentazione del suo libro è il motivo principale per cui le persone hanno deciso di partecipare all’evento. Cerca, quindi, di curare l’esposizione, essere chiaro, mai monotono, disponibile a rispondere alle domande (leggi i 9 consigli per parlare in pubblico). Puoi raccontare degli aneddoti personali, come sono nate alcune parti del libro, cosa ti ha ispirato, dove ti trovati quando hai scritto quel particolare  passaggio, ecc.
Nei tuoi interventi non dimenticare che hai di fronte a te persone che hanno già letto il libro, e che quindi vorrebbero conoscere approfondimenti, dettagli e retroscena, e persone che invece sono dei potenziali acquirenti, che devono essere incuriosite e affascinate.

Cosa regalare alla presentazione di un libro?

Un modo carino per incentivare la partecipazione alla presentazione è quello di prevedere qualche piccolo gadget da dare in regalo ai presenti. Potrebbe trattarsi di un segnalibro, un accessorio che richiama il volume o qualche altro piccolo presente che potrebbe anche fare pubblicità al libro in altri contesti. Chi partecipa ad una presentazione, invece, in genere non deve regalare nulla all’autore, in quanto la sua presenza e il suo tempo sono già un regalo. Se, invece, non si è ancora in possesso del libro, è un gesto assolutamente apprezzato il suo acquisto, chiedendo all’autore una dedica personale.

Chi è Fabio Brocceri

Ciao! Sono un Professionista della Comunicazione Digitale: Addetto stampa (nella Pubblica Amministrazione), Giornalista, Blogger, Esperto SEO, Digital Marketer, Social Media Manager e Architetto dell’Informazione.
Segui la mia pagina Facebook oppure il mio profilo Twitter per esser sempre aggiornato sulle ultime novità del blog!

Potrebbe interessarti anche

Parole burocratiche

Parole burocratiche, perché è meglio non usarle

Nelle nostre interazioni con la Pubblica Amministrazione ci sarà capitato sicuramente di imbatterci in parole …

Rispondi