Chi è e cosa fa un addetto stampa?

Cosa fa un addetto stampa? Questa è la domanda che spesso mi pongono le persone subito dopo avermi chiesto di cosa mi occupo, nonostante, tra le professioni della comunicazione, quella dell’addetto stampa sia una delle più conosciute.

L’addetto stampa (press agent in inglese) è innanzitutto un giornalista che, anziché lavorare per un giornale, lavora per un’organizzazione (azienda, istituzione, associazione, politico, personaggio famoso) aiutandola a comunicare meglio. Possiamo definirlo come una sorta di intermediario a cui si rivolgono da una parte i giornalisti, per avere informazioni che utilizzeranno nei loro articoli e servizi, e dall’altra le organizzazioni, che hanno la necessità di comunicare bene. Per questo è quasi sempre in stretto legame con i vertici aziendali.

Cosa fa un addetto stampa nella pratica?

Innanzitutto inizia la giornata attraverso il monitoraggio dei media, predisponendo la rassegna stampa sugli argomenti di interesse per l’organizzazione, procedendo alla verifica della correttezza delle informazioni ed eventualmente rettificandole. Per diffondere le notizie che riguardano l’organizzazione, scrive comunicati stampa, tenendo presenti i criteri di notiziabilità giornalistica, e organizza conferenze stampa. Nel corso della giornata segue le agenzie di stampa, monitora internet,  fornisce chiarimenti ai giornalisti, soddisfa le loro richieste (richieste di interviste, dati, materiali di supporto) e cura la medialist. Si interfaccia con i vertici dell’organizzazione e con l’ufficio marketing, in modo da coordinare la comunicazione esterna.

Quali requisiti deve avere un addetto stampa?

Un requisito imprescindibile è la conoscenza del mondo dell’informazione e di chi vi lavora. Bisogna conoscere i tempi, i ritmi, la suddivisione del lavoro all’interno delle redazioni ed anche i ruoli dei vari giornalisti. Un addetto stampa che fa bene il suo lavoro lavora a ritmi spesso frenetici, senza orari, e ha una buona dialettica, oltre ad una buona penna.

L’addetto stampa deve conoscere i principali meccanismi della comunicazione, le norme che regolano le attività di informazione, la materia che vuole comunicare, l’organizzazione per cui lavora ed i servizi offerti, nonché  i programmi principali di videoscrittura, di grafica, impaginazione e presentazione.

Non dimentichiamo che l’addetto stampa è anche una fonte per i giornalisti, per cui è importante tessere dei rapporti amicali “di reciproca convenienza”. Il giornalista vuole una notizia affidabile e l’addetto stampa vuole dare un’informazione corretta dell’organizzazione per cui lavora.

Come diventare un addetto stampa

Gli addetti stampa della pubblica amministrazione devono essere iscritti obbligatoriamente all’albo dei giornalisti (elenco dei pubblicisti o dei professionisti), come previsto dalla Legge 150/2000, che disciplina le attività di informazione e di comunicazione delle Pa. Per tutti gli altri settori non c’è una via preferenziale, anche se in genere molti addetti stampa provengono dal mondo del giornalismo e, in genere, da una formazione di tipo umanistico. Una buona base di partenza sono i corsi di laurea in Scienze della Comunicazione, meglio se affiancati alla pratica sul campo, da fare già durante il percorso universitario.

By |2018-09-12T09:37:23+00:0011 settembre 2018|Categories: Media relations & Digital Pr|Tags: |20 Comments

About the Author:

Sono un giornalista ed esperto di comunicazione. Lavoro come addetto stampa nella Pubblica Amministrazione. Se vuoi restare aggiornato sulle novità del blog, puoi seguire la mia pagina Facebook!

20 Comments

  1. franco 19 febbraio 2015 al 11:46 - Rispondi

    non per sapere quanto guadagni ,ma di norma quanto guadagna al netto al mese un addetto stampa

    • Fabio Brocceri 2 maggio 2015 al 17:53 - Rispondi

      Penso che sia un po’ difficile fare una media. Alcuni addetti stampa spesso sono mal pagati se non addirittura sfruttati, altri (pochi) guadagnano bene, ma sono veramente pochi.

  2. Amalia T. 12 maggio 2016 al 13:02 - Rispondi

    In sostanza, da quello che dice, un addetto stampa non accreditato come giornalista, ma laureato in scienze della comunicazione/lettere, per un privato, puo’ svolgere queste mansioni?
    Grazie mille, a presto

  3. Concetta Cuomo 8 luglio 2016 al 15:06 - Rispondi

    Alternative di lavoro per un addetto stampa ? Quale potrebbe essere ?

    • Fabio Brocceri 25 maggio 2017 al 18:23 - Rispondi

      Ci sono diverse figure nell’ambito della comunicazione che potresti prendere in considerazione: il portavoce, il giornalista, il social media manager, il copywriter, il pubblicitario, ecc.

  4. Blossom 2 luglio 2017 al 20:54 - Rispondi

    Salve.

    Mi è stata offerta la possibilità di candidarmi per un tirocinio in quest’ambito; si tratterebbe di redarre articoli su vari argomenti (politica, attualità, economia e non solo) per conto di un’associazione. Avevo inviato il mio CV un po’ di tempo fa e ora in pratica sono stata contattata. Sono laureata in lingue (il tirocinio comunque avrà luogo all’estero in un Paese di cui conosco la lingua – requisito fondamentale – e in cui sono già stata per motivi di studio) e non ho alcuna esperienza di questo tipo pertanto non saprei cosa aspettarmi. Non so neppure se sarei in grado di farlo. Mi attira molto. Mi piace scrivere, ho scritto quando studiavo e posto brevi commenti su quotidiani online ma non è certo la stessa cosa! Ci sarebbe però un tutor. Consigli? Critiche? Ringrazio in anticipo per qualsiasi feedback. Cordiali saluti.

    • Fabio Brocceri 3 luglio 2017 al 17:54 - Rispondi

      Non ho ben capito se l’attività sarà quella di addetto stampa (quindi cura dei rapporti con i media per conto dell’associazione) o di giornalista (per il giornale o il sito dell’associazione) o entrambe le cose. In ogni caso, dipende da quanto vorrai metterti in gioco! Se deciderai di accettare, cerca di formarti, magari leggendo libri e articoli sulla comunicazione e sul giornalismo oppure consultando i vari blog del settore. Hai anche un tutor, il che è indubbiamente positivo se sei alle prime armi.
      In bocca al lupo!

  5. Anna 13 luglio 2017 al 15:59 - Rispondi

    Salve sono laureata in lettere e mi è stato proposto di svolgere l’attività di addetto stampa del mio Comune di residenza , posso svolgere l’attività anche se non sono iscritta all’albo dei giornalisti.
    La ringrazio anticipatamente.

  6. Elisabetta 28 luglio 2017 al 17:36 - Rispondi

    Gentilissimo,
    una informazione. Dopo una laurea e un dottorato in area biologica, ho seguito un Master di II livello in Comunicazione pubblica e Politica on-line.
    Ho svolto uno stage nell’Ufficio Stampa di un Consiglio regionale e la tesi è stata oggetto anche di pubblicazione.
    Un’impresa privata, Associazione, Onlus, Sindacato ecc.. (settore privato) potrebbe assumermi come addetta stampa senza essere iscritta all’albo dei pubblicisti ?
    Posso essere una informatrice dei Giornalisti, inviare loro Comunicati Stampa con la mia firma ?
    Grazie.

  7. Giulia 7 settembre 2017 al 19:06 - Rispondi

    Buonasera,
    Mi è stata proposto un lavoro come addetto stampa in una società di basket di serie A ma non sono iscritta all’albo. È un requisito essenziale?

  8. Fabio Brocceri 9 settembre 2017 al 14:27 - Rispondi

    Facciamo un po’ di chiarezza per tutti coloro che hanno espresso questo dubbio. In teoria, la qualifica di ufficio stampa e la denominazione di addetto stampa sono riservate agli iscritti all’ordine dei giornalisti, ma ormai questi termini sono stati sdoganati anche nel privato.
    Secondo punto: nel pubblico è obbligatorio che gli addetti stampa siano iscritti all’albo, nel privato invece no. Inoltre, nel pubblico chi invia comunicati stampa senza essere iscritto all’ordine potrebbe essere denunciato all’autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione giornalistica. Nel privato, invece, vi è attualmente un vuoto normativo.

  9. Elisa 2 febbraio 2018 al 9:39 - Rispondi

    Invece il social media manager non deve essere iscritto per forza all’ordine giusto?

  10. Viviana Prester 18 febbraio 2018 al 12:32 - Rispondi

    Ottimo articolo! Breve, chiaro e diretto al nocciolo della questione. Complimenti!

  11. SALVO 22 febbraio 2018 al 0:58 - Rispondi

    CHIEDO SCUSA…SE SONO TITOLARE DI UN IMPRESA DELLO SPETTACOLO, POSSO AUOTPUBBLICARE E SCRIVERE COMUNICATI STAMPA PER LE MIE INIZIATIVE? POSSO DEFINIRMI UFFICIO STAMPA?

    • Fabio Brocceri 27 settembre 2018 al 14:51 - Rispondi

      Ciao Salvo, certamente puoi diffondere le notizie sulle tue iniziative. Per quanto riguarda la definizione, ormai anche nel privato si parla di “ufficio stampa”, anche se al suo interno non sempre vi lavorano giornalisti iscritti all’albo…

  12. Maria 22 maggio 2018 al 19:14 - Rispondi

    Salve, sono iscritta all’ordine come pubblicista. Dovendo fare da addetto stampa con collaborazione non continuativa, può essere sufficiente un normale contratto di prestazione occasionale o è prevista una forma di contratto particolare per gli iscritti all’Odg?
    La ringrazio anticipatamente.

    • Fabio Brocceri 27 settembre 2018 al 14:57 - Rispondi

      Ciao Maria, su questo non ti saprei consigliare. Prova, magari, a sentire direttamente un esperto fiscale o del diritto del lavoro.

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookie, che vengono forniti anche da terze parti. Per maggiori informazioni, consulta la cookie policy e la privacy policy. Grazie! Ok